Medical Center - Sesto Calende

Orario : Lun - Ven (7:30-19:00) | Sab (7:30-12:00)
  Contatti : +39 0331 958 095 Scarica referto Richiesta Service

Blog Medical Center

Microbiota Intestinale : cosa possiamo fare per preservare la BIODIVERSITA’?

Innanzi tutto e’necessario mapparla e quantificarla procedendo con l’analisi.

Recenti ricerche sul microbiota intestinale umano mostrano che la diversità del microbioma intestinale nel mondo occidentale è in declino rispetto. Un gruppo di scienziati, tra cui Maria G. Dominguez-Bello della Rutgers University (USA), ha sollevato una questione importante nel numero di ottobre di Science riguardante le azioni che devono essere intraprese per ripristinare e preservare il nostro microbiota intestinale per le generazioni future.

Negli ultimi dieci anni, numerosi studi ci hanno portato a credere che un alto livello di diversità dei microorganismi nel microbiota intestinale sia direttamente correlato con un buono stato di salute generale. La riduzione di questa diversità microbica nel corso degli anni dovuta all’industrializzazione e allo stile di vita nelle società occidentali è direttamente correlata a un aumento delle malattie metaboliche, immunitarie e cognitive come obesità, diabete, asma, allergie, malattie infiammatorie intestinali, autismo e altri disturbi mentali .

Un nuovo report in Cell ha mostrato che anche da 6 a 9 mesi dopo un’immigrazione dalla Thailandia verso gli Stati Uniti ha un effetto drammatico sul microbiota intestinale, con conseguente riduzione della diversità microbica e un aumento del rischio di obesità. Il microbiota umano occidentale sta perdendo batteri appartenenti a Lactobacillus, Bifidobacterium, Bacteroides, Prevotella, e altri generi che sono essenziali per la nostra comunità microbica intestinale. Questi gruppi batterici aumentano la funzione protettiva dell’intestino, migliorano la digestione, la funzione dei sistemi immunitario e nervoso e altro ancora.

Come possiamo “salvare”  allora , il nostro microbiota intestinale in modo da poter mantenere e migliorare la nostra salute?  Gli autori suggeriscono che avere buona cura dei nostri amici microbici potrebbe aprire la strada a nuovi trattamenti non solo per i disturbi intestinali, ma per altri disturbi cronici legati al microbioma come allergie, obesità e diabete. Questi sono i passaggi che potrebbero preservare lo stato attuale del microbiota intestinale:

  • Analizzarlo periodicamente durante il corso della vita
  • Saggio uso degli antibiotici.
  • Riduzione del numero dei parti cesarei non necessari.
  • Promozione dell’allattamento al seno.
  • Riduzione di prodotti antimicrobici ambientali.
  • Migliorare la dieta aumentando la quantità di fibre e la diversità degli alimenti
  • Aggiunta di alimenti funzionali contenenti pre, pro e post biotici alle diete

Maria G. Dominguez-Bello, Rob Knight, Jack A. Gilbert, Martin J. Blaser. Preserving microbial diversity. Science. 2018. DOI: 10.1126/science.aau8816

Lascia un commento